domenica 28 maggio 2017

Pasta "mezze maniche" e patate



Tutti i giorni , o quasi,la pasta viene in tavola, accolta dal robusto appetito di tutti.
E' il momento della pausa pranzo, più o meno breve secondo le esigenze del lavoro e dello studio.
Talvolta non è possibile conciliare gli orari: noi cerchiamo di pranzare insieme tutte le volte che si può e se c'è una novità di portare in tavola, la teniamo in serbo per quelle occasioni.
Piccole cose che rendono piacevoli anche le giornate normali...che poi sono la maggior parte!.
Per questa ricetta semplice e gustosa ringrazio l'amica blogger Silvia, autrice del piacevolissimo blog creativo
 
   Ingredienti e Preparazione:

1 costa di sedano 
1 carota piccola
mezza cipolla
50 gr. di pancetta dolce
300 gr. di passata di pomodoro
500 gr. di  patate
olio, sale, pepe
300 gr. di mezze maniche rigate

Tritate finemente la carota con la cipolla ed il sedano e fate imbiondire il tutto in una pentola con la pancetta e l'olio.
Unite la passata di pomodoro, regolate di sale e pepe e lasciate cuocere la salsa per circa mezzora.
Intanto mettete a bollire l'acqua per la pasta, salatela e sbucciate e tagliate le patate a cubetti di circa 1 cm. Quando l'acqua bolle buttate la pasta e le patate. 
Ho scelto le mezze maniche perché hanno la cottura abbastanza lunga, tanto da consentire la cottura delle patate, circa 12 minuti.
Scolate la pasta con le patate, aggiungetele al sugo pronto e girate bene con un cucchiaio di legno. L'amido rilasciato dalle patate in questo modo conferirà al piatto la giusta cremosità.
Servite aggiungendo a piacere una spolverata di pepe nero.

6 commenti:

  1. Ciao Marilena! Sono contentissima che ti sia piaciuta la mia ricetta e molto onorata che l'abbia ospitata nel tuo Blog, non sai quanto mi faccia piacere! Ti auguro una buona settimana,
    un abbraccio
    Sy

    RispondiElimina
  2. Grazie a te Sy,
    la ricetta ha avuto un successone in famiglia e il tuo blog ospita sempre cose originali, presentate con gusto e amabilità:-)

    RispondiElimina
  3. Gnam e questo piatto mi piace tanto, hai fatto bene a realizzarlo per tutta la famiglia riunita :) Bisogna trattare bene i nostri cari anche in cucina!

    RispondiElimina
  4. Cara Luna,
    quanto a ciò nè te né io dobbiamo avere rimorsi...semmai qualche eccesso, con amore!:-)

    RispondiElimina
  5. Ciao Marilena,mi dispiace per la fine dello "Schiaccianoci,lo trovavo interessante ma ora,da appassionato cuoco, non mancherò di entrare nella tua cucina.
    Un abbraccio,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Fulvio, per il tuo apprezzamento, che come sai ricambio sinceramente.
      Quanto a "Lo sciaccianoci" è stata un'esperienza bella e positiva, ma niente è per sempre...
      Conto su di te per l'assaggio delle mie ricette e visiterò con piacere il tuo blog triestino:-)

      Elimina